GazzetTinto

I pani intrecciati ai sapori antichi

Pane e Pizza Gabriele Bonci

    » Segnala ad un amico

    Rubriche: Pane e Pizza



    Procedimento:

    Oggi l’ottimo GABRIELE BONCI ci farà conoscere le varie tecniche manuali per realizzare i PANI INTRECCIATI. 
    Ma attenzione!...... perché come sempre avviene quando c’è di mezzo Gabriele, non si tratta di pani qualsiasi. I pani di cui ci parlerà oggi sono impastati con farine particolari, preziose, quelle fatte con i cereali antichi, ossia: il KAMUT, l’ENKIR, la SEGALE e il FARRO.

    Il KAMUT è un antenato del grano duro. E' coltivato esclusivamente con metodi biologici e controllati, in sintonia con le moderne esigenze di un'alimentazione naturale. Rispetto al grano comune, il Kamut e i prodotti da esso ricavati contengono proteine nobili, grassi insaturi, sali minerali e oligominerali in quantità molto elevata.
    L’ ENKIR: E'considerato il padre dei cereali e cresce spontaneo ancora oggi in alcune zone della mezzaluna fertile (Turchia e Iran). Viene anche indicato come il vero cereale biologico . Possiede un alto contenuto proteico ed un elevata quantità di carotenoidi che hanno importanti ruoli nelle funzioni cellulari e che sono efficienti antiossidanti. La farina di Enkir è di colore giallo naturale
    La SEGALE: Questo cereale è tradizionalmente considerato un cibo povero anche se in realtà non è certo tale. Conosciuto almeno dall'Età del Bronzo, iniziò probabilmente la sua storia come pianta selvatica nei campi coltivati a orzo e frumento. E' un alimento con notevoli proprietà nutrizionali e la  ricchezza di fibre la rende un alimento utile per le diete mirate a una riduzione del peso corporeo infatti è meno calorica degli altri cereali.
    Il FARRO: Tra i vari cereali, il farro,è sicuramente uno dei meno diffusi e conosciuti. Contiene proteine, grassi, vitamine, sali minerali e fibre. Vista la sua composizione, presenta proprietà antianemiche, lassative, ricostituenti e rinfrescanti. Dopo aver subito il processo di decorticazione, può anche essere consumato in chicchi, in sostituzione ad esempio, al riso. La farina ottenuta con il farro è eccellente per qualsiasi utilizzo e può essere anche sostituita a quella di grano tenero.