[an error occurred while processing this directive]
[an error occurred while processing this directive]

Gangor

Il coraggio di una donna

  • Regia: Italo Spinelli
  • Cast: Adil Hussain, Samrat Chakrabarti, Priyanka  Bose, Seema Rahmani, Tillotama Shome
  • Produzione: BìBì Film, Tv srl Isaria Productions srl, Nirvana Motion Pictures Ltd. in collaborazione con Rai Cinema
  • Genere: Drammatico
  • Anno: 2010
  • Durata: n.d.
  • Data di uscita: 11 marzo 2011
  • Nazionalità: Italia
  • Distribuzione: Cinecittà Luce
  • Sito ufficiale:

Sinossi

Gangor è la storia del fotoreporter Upin, inviato nel Bengala occidentale per un reportage sullo sfruttamento e la violenza subita dalle donne tribali.

A Purulia, accompagnato dal suo assistente Ujan, mentre fotografa un gruppo di indigene intente a lavorare, Upin mette a fuoco Gangor rimanendo profondamente turbato dall’immagine di lei mentre allatta il suo bambino.

La foto viene pubblicata in prima pagina suscitando scandalo e la vita di Gangor cambia drammaticamente. Upin ignaro di tutto, dopo essere tornato a Calcutta da sua moglie, ossessionato dal pensiero di Gangor, decide di tornare a Purulia per ritrovarla.

Upin scoprirà cosi di essere diventato, senza volerlo, strumento della stessa violenza che avrebbe voluto fermare.

La scrittrice Mahasweta Devi

Mahasweta Devi, nata a Dacca (nell’attuale Bangladesh) nel 1926, è una delle maggiori scrittrici indiane, un’autrice prolifica i cui racconti e romanzi in lingua bengali riscuotono un grande successo di pubblico. Devi si è formata alla scuola di Shantiniken, fondata da Tagore, la stessa da cui provengono intellettuali e artisti di fama internazionale come il regista Satyajit Ray e l’economista Amartya Sen. Consegue la laurea in letteratura inglese e pubblica il primo romanzo nel 1956 e fino al 1984 insegna presso l’Università di Calcutta. Devi è un’attivista profondamente impegnata a livello politico e sociale che lavora da anni con e a favore dei gruppi tribali e delle comunità emarginate come quella dei braccianti senza terra dell’India orientale. Dirige una pubblicazione trimestrale, Bortika, all’interno della quale sono gli stessi gruppi tribali e gli emarginati a prendere la parola e a documentare in prima persona la natura e l’evoluzione dei loro problemi fondamentali. Scrive inoltre di questioni sociali e politiche i cui articoli appaiono regolarmente sull’ Economic and Political Weekly, Frontier e altri periodici. Mahasweta Devi ha contribuito in modo fondamentale agli studi letterari e culturali del suo paese. La sua ricerca empirica sul ruolo della storia orale nelle culture e nella memoria delle comunità tribali ha rappresentato una novità assoluta nel suo genere. Nelle sue storie di lotta e di sfruttamento, numerosi studiosi hanno rintracciato nuclei fecondi della teoria femminista. Il suo utilizzo innovativo del linguaggio ha ampliato i confini tradizionali dell’espressione letteraria in lingua bengali. Ponendosi al crocevia di questioni contemporanee cruciali, politiche, di genere e di classe, Mahasweta Devi è una figura centrale nell’ambito della letteratura socialmente impegnata.
Ha ricevuto il premio Magsaypay - l'equivalente indiano del Nobel per la pace - e il premio Jnanpith per il giornalismo, la letteratura e la comunicazione. Dei suoi molti scritti sono stati tradotti in italiano: La cattura, Ed. Theoria - 1996, India segreta, La Tartaruga edizioni -  2003, La Preda e altri racconti, Einaudi - 2004 a cura di Anna Nadotti. 

 

Il cast

Italo Spinelli (Regia)
Regista teatrale e cinematografico, lavora in teatro come aiuto regista di Carlo Cecchi e Luca Ronconi. In seguito mette in scena, fra gli altri lavori, Creditori di Strindberg, Woyzek di Buchner, La giornata di uno scrutatore di Italo Calvino e Platone tratto dalla Repubblica, per il Piccolo Teatro di Milano. Esordisce nel cinema con il Super8 Doppio movimento (co-regia P. Grassini) e più tardi dirige il lungometraggio Roma Paris Barcelona (Premio Vittorio De Sica). È autore di documentari e reportage come Ripensando Lima (1988), Un fiume di Cinema- Sulle tracce di Michelangelo Antonioni (1995), Danzando in Cambogia (1998), Bernardo Bertolucci Hyderabad (2000). Nel 2002 ha pubblicato il volume Indian Summer. Films, Filmakers and Stars between Ray and Bollywood, Edizioni Olivares. Spinelli è fondatore e direttore artistico del Festival Asiatica Filmmediale - Incontri con il Cinema asiatico che si tiene a Roma dal 2000.

Adil Hussain (Upin)
Adil Hussain ha studiato recitazione a Assam, suo paese natale, e a Londra. Dal 1999 interpreta Otello nella famosa produzione Othello: Uno spettacolo in bianco e nero – in tour in diversi paesi - della Indian Shakespeare Company, diretto da Roysten Abel e vincitore del premio Edinburgh Fringe First. È stato protagonista per la TV in Jasoos Vijay della BBC World Trust Service, In Otello della A & B motion produzione e Iti Srikanto di Anjan Das, al cinema con For Real di Sona Jain Adil e in teatro con Moeder India della compagnia Danstheater di Amsterdam e Orientamenti di Michael Walling della Border Crossings Theater Company di Londra.

Samrat Chakrabarti (Ujan)
Musicista di fama internazionale, Samrat Chakrabarti nato in Inghilterra ma cresciuto negli Stati Uniti, ha partecipato a vari film Hollywoodiani ed internazionali come The Waiting City di Claire McCarthy, The Wedding Weekend di Bruce Leddy, The Loins of Punjab di Manish Achary, She Hate Me di Spike Lee, New York di Yash Raj's, Ashes di Ajay Naidu e Bombay Summer di Joseph Matthews. Ha anche interpretato ruoli in varie serie televisive tra cui: Law And Order, The Sopranos, Love Monkey, Damages, All My Children, In Treatment e Hope and Faith.

Priyanka Bose (Gangor)
Priyanka Bose ha recentemente completato il film Guzaarish  di Sanjay Leela Bansali, interpretando una canzone al fianco della nota attrice Bollywoodiana Aishwarya Rai.
È stata anche una delle protagoniste del film  LSD (Love sex aur Dhoka) attualmente nelle sale indiane.
Priyanka Bose è anche una ballerina di successo: uno dei suoi maggiori successi l’ha avuto al Fringe Festival di Edimburgo nel 2002.

Seema Rahmani (Shital)
Seema Rahmani ha lavorato in diverse produzioni cinematografiche come Good Night Good Morning di Sudhish Kamath, Loins of Punjab di Manish Acharya, Shakalaka Boom Boom di Sunil Darshan, SINS di Vinod Pande, Missed Call di Mridul Tulsidas & Vinay Subramanium, Hum Kaun Hein di Ravi Sharma Shankar, Banana Brothers di Girija Shankar e in TV in Arjun Varma di Sandeep Varma, Alias della ABC e Roswell della Warner Bross. Al momento sta lavorando in Love, Wrinkle-free di Sandeep Mohan con Ash Chandler, Sohrab Ardeshir e Shernaz Patel.   

Tillotama Shome (Medha)
Tillotama Shome vive attualmente a Mumbai ed è meglio conosciuta per aver interpretato Alice in Monsoon Wedding di Mira Nair. Nel 2004 è stata protagonista nella epica  Shadows  of Time (Schatten der Zeit) di Florian Gallenberger. I suoi altri film includono Little Box of Sweets di Meneka Das, The Waiting City di Claire Mcarthy, Turning 30 di Alankrita Srivastava e i corti Butterfly e PIA di Tanuj Chopra, Long After di Afia Nathaniel e Boond di Abhishek Pathak. Sarà protagonista in Joy of the City di Kandahar Karan e Flamenco and  Bollywood di Onil Ganguly. 
Il suo lavoro l’ha portata a lavorare con i carcerati a Rikers Island e come docente presso un'organizzazione teatrale che promuove la crescita nelle comunità di tutta New York City per approfondire problemi come la violenza, la sessualità, l'abuso di sostanze.