GazzetTinto

[an error occurred while processing this directive]

Tartellette al prosciutto

Le insegnanti di cucina Antonella cucina con Alessandra Spisni

    » Segnala ad un amico

    Rubriche: Le Maestre di Cucina
    Difficoltà: Media
    Tipologia: Antipasti
    Tempo di preparazione: 30 min

    Ingredienti: Per la pasta delle tartellette: 300 gr di farina un pizzico di sale fino 1 uovo 50gr di burro acqua fredda circa 50 gr Per la farcia di prosciutto: 70 gr di robiola 50 gr di prosciutto di Parma affettato sottile due gocce di succo di limone

    Procedimento:

    In una terrina o direttamente su di un piano preparare l’impasto: impastare il burro fatto a fiocchetti, con il sale e la farina, fino ad ottenere delle grosse briciole. Rifare la fontana ed al centro mettere l’uovo e l’acqua, impastare rapidamente aggiungendo, se occorresse un pò di acqua o farina. L’impasto deve risultare compatto ma morbido, come quello per la sfoglia. Coprire con pellicola trasparente e riporre in frigo per circa 20 minuti.
    Ungere abbondantemente gli stampi da tartelletta  con il burro (se utilizzate i monouso non occorre ungerli).
    Riprendere l’impasto e stenderlo con un mattarellino, con i rebbi di una forchetta, bucherellare la sfoglia, dalla sfoglietta, ricavare tanti ovali, quanti ne vengono, della giusta misura e foderate gli stampini. Riempire ogni tartelletta con fagioli o ceci leggermente unti con olio affinchè rimangano cave. Cuocere in forno per 10 minuti a forno caldo 180°.
    Appena fuori dal forno, togliere i fagioli e conservarli per altre cotture (non sono più utilizzabili per preparazioni mangerecce). Prima di sformare le formine attendere che siano fredde.
    Si possono conservare chiusi in una scatola di latta, come i biscotti, oppure in frizeer.
    Per la farcitura: conservare una fetta di prosciutto e tritare a coltello il rimanente. Unire alla robiola, mescolando con un cucchiaio. Unire due gocce di succo di limone e amalgamare.
    Riempire le formine con la farcia di prosciutto guarnendo, in ultimo, con il prosciutto conservato disposto garbatamente. Tritare il prosciutto con un coltello.