RaiUno_logo
VUOI PARTECIPARE COME CONCORRENTE ALLA PROSSIMA EDIZIONE DE “LA PROVA DEL CUOCO (LOGO)”? CHIAMA LO 02 89919903

GazzetTinto

Tartellette al prosciutto

Le insegnanti di cucina Antonella cucina con Alessandra Spisni

    » Segnala ad un amico

    Rubriche: Le Maestre di Cucina
    Difficoltà: Media
    Tipologia: Antipasti
    Tempo di preparazione: 30 min

    Ingredienti: Per la pasta delle tartellette: 300 gr di farina un pizzico di sale fino 1 uovo 50gr di burro acqua fredda circa 50 gr Per la farcia di prosciutto: 70 gr di robiola 50 gr di prosciutto di Parma affettato sottile due gocce di succo di limone

    Procedimento:

    In una terrina o direttamente su di un piano preparare l’impasto: impastare il burro fatto a fiocchetti, con il sale e la farina, fino ad ottenere delle grosse briciole. Rifare la fontana ed al centro mettere l’uovo e l’acqua, impastare rapidamente aggiungendo, se occorresse un pò di acqua o farina. L’impasto deve risultare compatto ma morbido, come quello per la sfoglia. Coprire con pellicola trasparente e riporre in frigo per circa 20 minuti.
    Ungere abbondantemente gli stampi da tartelletta  con il burro (se utilizzate i monouso non occorre ungerli).
    Riprendere l’impasto e stenderlo con un mattarellino, con i rebbi di una forchetta, bucherellare la sfoglia, dalla sfoglietta, ricavare tanti ovali, quanti ne vengono, della giusta misura e foderate gli stampini. Riempire ogni tartelletta con fagioli o ceci leggermente unti con olio affinchè rimangano cave. Cuocere in forno per 10 minuti a forno caldo 180°.
    Appena fuori dal forno, togliere i fagioli e conservarli per altre cotture (non sono più utilizzabili per preparazioni mangerecce). Prima di sformare le formine attendere che siano fredde.
    Si possono conservare chiusi in una scatola di latta, come i biscotti, oppure in frizeer.
    Per la farcitura: conservare una fetta di prosciutto e tritare a coltello il rimanente. Unire alla robiola, mescolando con un cucchiaio. Unire due gocce di succo di limone e amalgamare.
    Riempire le formine con la farcia di prosciutto guarnendo, in ultimo, con il prosciutto conservato disposto garbatamente. Tritare il prosciutto con un coltello.