Aihmè, ancora scuola

Buongiorno,
        ha sollecitato questa mia nota la presenza di De Gregorio questa settimana e la telefonata dell'ascoltatore pugliese a proposito della pratica dell'insegnamento che costituisce abilitazione.

Tanto per segnalare altri casi gestiti penosamente dal governo segnalo che gli abilitati dai recenti TFA e PAS non sono entrati in ruolo. Notare che hanno versato dai 2600 ai 3000 euro per accedere ai corsi e arrivare all'abilitazione certificata dalle universitá e MIUR (non [soltanto] grazie ai loro pregressi anni di insegnamento precario).
Anche ora che il MIUR  istituisce l'animatore digitale in ogni scuola sono esclusi questi recenti abilitati. perchè per l'appunto si chiede ruolo e permanenza in scuola da almeno 3 anni. Eppure potrebbero essere, in molti casi sono, gli unici docenti in scuola che hanno competenze digitali !

E si aggiunga che in tal modo depriviamo i nostri ragazzi delle competenze digitali che invece avranno i loro coetanei cresciuti in molte altre nazioni, visti i nuovi curricula. Ma questo fa parte della sciagurata gestione del digitale nelle scuole italiane che meriterebbe una bella indagine: avete visto chi con le nuove classi di insegnamento puó insegnare informatica?

Ma vi sembra intelligente questa normativa? ma vi sembra intelligente questo governo? ma vi sembra giusto nei confronti di ragazzi che troveranno lavoro molto tardi e lavoreranno fino a 70-75 anni per pensioni molto basse?

Saluti, Barbara

Rai.it

Siti Rai online: 847