Radio2 RADIO2 LIVE

Schif Parade

I cibi che creano dipendenza

Colore di sale

Gli scarti da non scartare

Neuroscienze: il colore dei cibi

Il nostro cervello sarebbe più attratto dai cibi colorati di rosso, mentre si terrebbe ben lontano da quelli verdi.

Secondo un studio della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste pubblicato sulla rivista Scientific Reports, il cervello userebbe i colori per aiutarci nella scelta del cibo. E se con il rosso ci dà piena libertà, con il verde è più restio alle abbuffate.

Il colore, infatti, predice l’apporto calorico, per cui se un cibo tende al rosso è probabile che sia più nutriente di uno tendente al verde, indice di poche calorie. Tutto è dovuto al nostro sistema visivo che si è evoluto per individuare le cose più nutrienti.

La raffinatezza raggiunta da questo nostro senso testimonia il fatto che siamo ‘animali visivi’, a differenza di altri, come il cane, che per esempio dipendono principalmente all’olfatto. È soprattutto il colore degli alimenti a guidarci.

Un ulteriore dato a favore di quest’ipotesi è che il codice colore non entrerebbe in funzione per oggetti diversi dal cibo: la preferenza del rosso sul verde non si osserva con oggetti non commestibili.

Una scoperta non da poco se si considera che l’esistenza di un effetto simile sul nostro cervello può dettare e di molto le dinamiche del marketing e, di conseguenza, le nostre scelte alimentari tra gli scaffali.

 

Voi che ricetta preferite?

 







Broccoli verdi  cacio e pepe









Rai.it

Siti Rai online: 847