Gabriele Bonci: carciofi in crosta di pane Pane e Pizza Pane e Pizza Procedimento: E' tempo di CARCIOFI, ortaggio di stagione per eccellenza, e Gabriele certo non poteva farsi sfuggire l'occasione per proporci dei CARCIOFI IN CROSTA DI PANE........ Vedremo quindi come procedere per preparare questi deliziosi "fiori" e farli diventare quasi un vero e proprio piatto da servire in tavola. Il carciofo, conosciuto fin dall'antichità da Egizi, Greci e Romani, fu introdotto in Europa, nel medioevo quando gli Arabi lo portarono dall'Africa settentrionale in Spagna. Il nome italiano di questa pianta deriva proprio dall'arabo kharshuff, attraverso lo spagnolo alcachofa. E' una pianta erbacea perenne, appartenente alla famiglia delle Composite (Asteracee), tipico dell'area Mediterranea. Può essere con o senza spine, grosso o allungato, e variare da colori intensi di verde a toni violacei; la pianta, solitamente, può arrivare anche ad un metro e mezzo di altezza, con fiori azzurro-violacei e con frutti di forma oblunga di colore grigio-bruno. La parte edibile della pianta è in realtà il fiore con il cuore centrale, molto ricercato, perché più tenero. La sua coltivazione di maggior rilievo in Italia si ha in Puglia, Lazio, Campania, Sicilia e Toscana. Procedimento:

E’ tempo di CARCIOFI, ortaggio di stagione per eccellenza, e Gabriele certo non poteva farsi sfuggire l’occasione per proporci dei CARCIOFI IN CROSTA DI PANE........

Vedremo quindi come procedere per preparare questi deliziosi “fiori” e farli diventare quasi un vero e proprio piatto da servire in tavola.

Il carciofo, conosciuto fin dall’antichità da Egizi, Greci e Romani, fu introdotto in Europa, nel medioevo quando gli Arabi lo portarono dall’Africa settentrionale in Spagna. Il nome italiano di questa pianta deriva proprio dall’arabo kharshuff, attraverso lo spagnolo alcachofa. E’ una pianta erbacea perenne, appartenente alla famiglia delle Composite (Asteracee), tipico dell'area Mediterranea. Può essere con o senza spine, grosso o allungato, e variare da colori intensi di verde a toni violacei; la pianta, solitamente, può arrivare anche ad un metro e mezzo di altezza, con fiori azzurro-violacei e con frutti di forma oblunga di colore grigio-bruno. La parte edibile della pianta è in realtà il fiore con il cuore centrale, molto ricercato, perché più tenero.
La sua coltivazione di maggior rilievo in Italia si ha in Puglia, Lazio, Campania, Sicilia e Toscana.



]]>