[an error occurred while processing this directive]
[an error occurred while processing this directive]

Niente paura

La musica racconta l'Italia

    » Segnala ad un amico

    ligabue, mostra del cinema di venezia 67, 2010, niente paura

    • Regia: Piergiorgio Gay
    • Cast: Antonio Ligabue, Giovanni Soldini, Stefano Rodotà, Carlo Verdone, Paolo Rossi
    • Co-Produzione: Lumière & Co e BIM Distribuzione
    • Genere: Documentario
    • Anno: 2010
    • Durata: 85 minuti
    • Data di uscita: 15/10/2010
    • Nazionalità: Italia
    • Distribuzione: BIM
    • Sito ufficiale: www.nientepaura-ilfilm.it
    VENEZIA 67 - FUORI CONCORSO

    Sinossi

    Raccontare un musicista italiano e il suo pubblico per ripercorrere gli ultimi trent’anni del nostro Paese. Ma possono le canzoni raccontare la società? E può il percorso artistico di un musicista – nel nostro caso Luciano Ligabue ¬raccontare come eravamo e come siamo adesso? La musica popolare parla di noi, e spesso ci ritrae meglio di tanti saggi o studi sociologici. Parte da un’emozione, dal ritmo, in maniera viscerale. Una canzone può semplicemente rimanere legata a un momento particolare della nostra vita, darci felicità, amarezza o nostalgia nel ricordo. Addirittura “celebrare” un evento cruciale, diventare “rito”, nel senso più laico e bello del termine (“Ehi, senti senti… questa è la nostra canzone!”). Canzoni ed emozioni. Canzoni nello scorrere della vita personale ma anche sociale e politica. Canzoni e memoria. Memoria personale e memoria collettiva, nel duplice senso di memoria di un Paese e memoria di tante persone insieme.

    Perché Luciano Ligabue?

    Perché è un musicista italiano popolare; perché nei suoi concerti quando canta Non è tempo per noi, vengono proiettati sul maxischermo gli articoli della Costituzione italiana;

    perché quando canta Buonanotte all’Italia scorrono alle sue spalle i visi delle persone che hanno fatto qualcosa per questo paese;

    perché quando finisce i concerti si rivolge al pubblico dicendo: Vorrei augurare la buona notte a tutti quelli che vivono in questo Paese ma che non si sentono in affitto, perché questo Paese è di chi lo abita e non di chi lo governa.