In evidenza

La televisione del futuro

Geo Scienza

La televisione del futuro

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una trasformazione della televisione che è diventata sempre più complessa, con un’offerta di programmi molto più ricca, ad esempio con il digitale la Rai propone al pubblico ben 14 canali. Stiamo parlando di una TV sempre più tecnologica ed interattiva ma che deve essere semplice e intuitiva nell’uso. E’ fondamentale perciò che lo spettatore venga messo in condizione di muoversi agevolmente in questa nuova offerta di tecnologia , di programmi  e di servizi . A questo obiettivo lavorano allo stesso tempo sia i costruttori di televisori che le emittenti televisive come la Rai.

Nel corso del 2012, La Direzione Rai Strategie Tecnologiche con il Centro Ricerche di Torino e la redazione del programma televisivo Geo Scienza, hanno ipotizzato e realizzato un progetto tendente a verificare l’interesse del pubblico, verso l’apprendimento delle nuove tecnologie del campo televisivo e contestualmente a divulgarne un primo approccio verso il pubblico meno esperto. L’analisi del progetto ha posto le basi, anche sulle reali possibilità di utilizzo, da parte del pubblico, delle funzionalità e potenzialità dei  televisori di ultima generazione. Il progetto si è sviluppato con  l’elaborazione di un vero e proprio programma televisivo di tipo informativo e dimostrativo;  sono state messe a punto 4 puntate, da trasmettere durante la normale programmazione  della  rubrica Geo Scienza . Ogni puntata è stata realizzata analizzando dei  temi specializzati, con l’accortezza di non appesantirli troppo ed è stata registrata nello studio  10 del CPTV di Roma via Teulada 66. La prima puntata è andata in onda lunedì 04 marzo 2013 alle ore 17,05 e le successive sono state trasmesse  con cadenza settimanale.

Nella prima puntata, denominata la Televisione del Futuro, andata in onda sono stati analizzate alcune delle piu' avanzate tecnologie televisive, tra cui la tematica del Second Screen, uno schermo a vapore d'acqua che può essere attraversato, l'Assistente Vocale e gestuale per poter gestire la tv. Link della Puntata.

Nella seconda puntata di Geo Scienza, andata in onda lunedi 11 Marzo, e intitolata "Oltre l'HD: oloscopia, 3D e 4K", i ricercatori di Strategie Tecnologiche delle RAI hanno mostrato un nuovo televisore 4K, con una definizione di gran lunga migliore dell’ HD, paragonando riprese fatte in 4K, con la definizione standard (SD) e l’alta definizione (HD); inoltre è stato spiegato, durante la puntata, il funzionamento della visione stereoscopica (tridimensionale) e di un oloscopio: ovvero uno schermo che permette la visione 3D senza l’ utilizzo di occhiali. Link della Puntata.

Durante la terza puntata del 18 Marzo, è stato introdotto il Progetto Atlas realizzato dal settore della Direzione Strategie Tecnologiche Rai e dal Centro Ricerche Rai di Torino cofinanziato dalla Regione Piemonte, finalizzato allo sviluppo di servizi innovativi per offrire ai non udenti la possibilità di seguire e comprendere le trasmissioni dei mass-media attraverso la traduzione automatica da italiano scritto nella lingua dei segni mediante un interprete virtuale o Avatar. Link della Puntata.

Nella quarta puntata andata in onda Lunedi 25 Marzo, si è discusso sopratutto del Nuovo Microfono 3D , sviluppato dal Centro Ricerche Rai di Torino, in grado di effettuare delle "Riprese" Sonore in modo tale da eliminare, ad esempio, dei rumori di sottofondo oppure per far sentire allo spettatore selettivamente uno strumento di un Orchestra musicale piuttosto che un altro. Link della Puntata.


Rai.it

Siti Rai online: 847