Logo Rai3

Gli Autori

Ray Bradbury

Ray Bradbury nasce a Waukegan, nell'Illinois (Stati Uniti) nel 1920.

Fin da giovanissimo si appassiona alla letteratura, e nel 1941, a soli 21 anni, vende il suo primo racconto. Da allora il suo estro artistico si concretizza principalmente nella scrittura di racconti e romanzi di fantascienza, che lo rendono subito celebre. Romanzi come "Cronache Marziane", del 1950, e "Fahrenheit 451", del 1953, sono diventati capisaldi non solo della narrativa di genere.

"Cronache Marziane" in particolare divenne famoso per aver accolto in sé molte delle prospettive sfiduciate dell'America del Dopoguerra, come la paura di una nuova Guerra Mondiale e degli ordigni atomici, il tema fondamentale del razzismo in una società civile, oppure quello della censura.

Quest'ultima tematica, in particolare, è stata ripresa dall'altro suo grande successo, "Fahrenheit 451", romanzo in cui un regime dittatoriale futuro impedisce il proliferare della cultura, distruggendo e bruciando qualsiasi libro.

Altre opere famose di Ray Bradbury sono "Il gioco dei pianeti" del 1951, "Molto dopo mezzanotte", una raccolta di racconti, e "L’estate incantata", un romanzo spiccatamente autobiografico dove la fantascienza ricopre un ruolo secondario.

Bradbury è stato sempre un autore di fantascienza poco scientifica: a differenza di autori come Isaac Asimov, l'espressività di Bradbury non si basa principalmente su forti connotazioni tecniche e su competenze scientifiche ma  su una istanza spiccatamente evocativa, capace di suggestionare il lettore, con metafore e situazioni dense di significato.

Rai.it

Siti Rai online: 847