Radio2 RADIO2 LIVE

Schif Parade

I cibi che creano dipendenza

Colore di sale

Gli scarti da non scartare

Fagiolane della Val Borbera

Fagiolana Bianca della Val Borbera (o grossa) di Figino

Fagiolo rampicante, diffuso da secoli in Val Borbera, e nelle zone circostanti, assomiglia al fagiolo di Spagna ma ha una sua personalità: la buccia tenera che non si stacca in cottura ed avvenga a fiamma molto bassa e la piacevole consistenza lo rendono ideale per insalate e contorni in umido. 

Ce ne sono due tipi di fagiolana: 

La poco nota ma finissima “quarantina”, più piccola, a buccia molto sottile, bianco candida, 

La “Bianca di Figino”, grande, color avorio, a buccia un tantino più spessa. 

Si  cucinano con  ammollo di almeno  12 ore.

La coltivazione di questo  legume  avviene  tra maggio e ottobre.

Dopo la   semina, occorre posizionare dei  supporti, per dare  sostegno  alle piante  su  cui  si  appoggiano,in  genere  si  utilizzano  o bastoni (trape) o una rete con  maglie di  circa  10 cm.

Molto  sensibili  a  bruschi cali  di  temperatura, necessitano  di  una  costante  e abbondante  irrigazione.

Tutte le lavorazioni, quindi  anche  la  raccolta, avviene  a manualmente.

 

Rai.it

Siti Rai online: 847