Raviole fritte con crema e marmellata Le insegnanti di cucina Antonella cucina con Alessandra Spisni Ingredienti e dosi per 6-8 persone: 600 g di farina, 200 g di zucchero semolato, 1 bustina di lievito chimico, 130 g di burro, 4 uova, strutto per friggere, marmellata alchermes o rosolio q.b, sale q.b., scorza grattugiata di un limone, un pizzico di vanillina, zucchero semolato da spolverizzare Per la crema: 1/2 litro di latte fresco intero, 3 uova, 45 gr di farina, 125 gr di zucchero, la scorza grattugiata di mezzo limone Le Maestre di Cucina Media Dessert 40 min Procedimento: Amalgamare la farina, lo zucchero, il lievito e il burro, aromatizzare con scorza di limone grattugiata, sale. Rifare la fontana ed aggiungere 4 uova. Mescolare fino ad ottenere un composto morbido. E lasciare in frigorifero per 20 minuti. Dopo di che,con l'aiuto di un mattarello,stendere la pasta su di un piano lucido. Tagliare con un bicchiere, e ricavare tanti dischi quanti ne vengono. Preparare la crema, lasciarla raffreddare e farcire le raviole con la marmellata di albicocche o con la crema fredda. Chiudere a mezzaluna le raviole e riporle in frigorifero per almeno 20 minuti 8- per cuocere le raviole, gettarle nello strutto bollente. Attendere la doratura, farle asciugare su carta gialla, bagnarle nell'alchermes o nel rosolio e poi cospargerle di zucchero semolato. Procedimento:

Amalgamare la farina, lo zucchero, il lievito e il burro, aromatizzare con scorza di limone grattugiata, sale. Rifare la fontana ed aggiungere 4 uova.
Mescolare fino ad ottenere un composto morbido. E lasciare in frigorifero per 20 minuti.
Dopo di che,con l’aiuto di un mattarello,stendere la pasta su di un piano lucido.
Tagliare con un bicchiere, e ricavare tanti dischi quanti ne vengono.
Preparare la crema, lasciarla raffreddare e farcire le raviole con la marmellata di albicocche o con la crema fredda.
Chiudere a mezzaluna le raviole e riporle in frigorifero per almeno 20 minuti 8- per cuocere le raviole, gettarle nello strutto bollente. Attendere la doratura, farle asciugare su carta gialla, bagnarle nell’alchermes o nel rosolio e poi cospargerle di zucchero semolato.














                                                            














]]>