Radio2 RADIO2 LIVE

Schif Parade

I cibi che creano dipendenza

Colore di sale

Gli scarti da non scartare

I dolci dei morti

I dolci dei morti sono, realizzati in occasione della Commemorazione dei Defunti. È tradizione in Europa e soprattutto in Italia allestire dolci particolari nei giorni a ridosso del 2 novembre, che spesso ricordano nel nome o nella forma questa ricorrenza.

Ancora oggi in alcuni paesi d'Italia, la notte tra l'1 ed il 2 novembre, si pongono questi dolci su tavole imbandite, sicuri che verranno frequentate dai propri defunti.

Le più popolari sono sicuramente le "Fave da morto",: pasticcini alla mandorla, di forma ovoidale e schiacciata, cosparsi di zucchero a velo. Si preparano in Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Marche e Umbria.

Nel Nord-est, soprattutto in veneto e Friuli, sempre a base di mandorla, sono le "Favette dei Morti", sono di tre colori (panna, marroni e rosa) e variano dal croccante al morbido (Favette Triestine).

Rimanendo al centro-Nord, in Piemonte, Lombardia e Marche molto famose sono le “ossa da morto”: biscotti di consistenza dura, con mandorle e albume d'uovo. Si preparano anche a Parma, ma qui sono di pastafrolla, ricoperti di glassa di zucchero o cioccolato. Nel Senese invece sono rotondi e di consistenza friabile.

Un'altra tradizione lombarda è il "Pane dei morti": piccoli panini dolci, a base di biscotti sbriciolati, ripieni di frutta candita e confezionati su ostie.

Spostandoci a sud, e precisamente a Napoli, troviamo i "Torroni dei morti", torroni morbidi, non a base di miele, ma di cacao, e sono preparati in vari gusti, con nocciole o frutta secca e candita, ma anche al caffè, o altri gusti ancora.

In Puglia "La colva" è un dolce di Foggia, Barletta e Bitonto, fatto con grano cotto, uva sultanina frutta secca a pezzetti, scaglie di cioccolato fondente, chicchi di melagrana, zucchero e vincotto. Nel leccese invece si fanno bastoncini di zucchero detti fanfullicchie

La Sicilia è la regione più barocca. Qui si prepara di tutto: i Pupi di zucchero colorato sono riproduzioni di paladini o generiche figure maschili e femminili per ricordare i defunti. Le "Dita di apostolo"sono dolci a forma di mano ripieni di mousse di ricotta. Le ossa di morto si preparano anche qui, aromatizzati ai chiodi di garofano. Infine la Frutta di Martorana è tipica di questo momento dell’anno, si tratta di riproduzioni di frutta con farina di mandorle e zucchero.


(nella foto ossa da morto piemontesi)

Rai.it

Siti Rai online: 847