Il semaforo del benessere per la primavera Il semaforo del benessere della dott.ssa Flachi Ingredienti: EVELINA FLACHI La Nutrizionista Procedimento: Oggi inizia la primavera… che torna, puntuale come ogni anno, con le sue giornate lunghe e tiepide ma anche quella fastidiosa sensazione di stanchezza a cui corrisponde però un miglioramento dell'umore dovuto all'aumento della luce: dobbiamo assecondare questo risveglio energetico facendo una camminata all'aria aperta tutti i giorni e scegliendo i cibi adatti a depurare l'organismo e a darci la carica stagionale che ci vuole.La mancanza di tono e di energia che con l'inizio del periodo primaverile può andare a colpire soprattutto le donne in menopausa e le adolescenti; è un fenomeno del tutto normale, riconducibile allo stravolgimento stagionale che sembra coglierle quasi impreparate. i continui ribaltoni climatici che di solito caratterizzano i mesi di febbraio e marzo, con notevolissime escursioni termiche e barometriche, richiedono un superlavoro per l'organismo, in particolare per i neurormoni e i neuromodulatori, comportando in chi è particolarmente sensibile dal punto di vista ormonale un lieve scompenso dell'equilibrio psicofisico. Per prepararci quindi all'arrivo della primavera e a questi "scompensi" dobbiamo depurare il nostro organismo e contrastare la spiacevole sensazione di gonfiore che si avverte ai cambi di stagione.Colpa anche della ritenzione idrica, ovvero della tendenza dei tessuti di cui è composto il nostro organismo a trattenere liquidi, acqua e altre sostanze fra le quali ci sono anche delle tossine.Per eliminare il gonfiore e depurare l'organismo bisogna innanzitutto ricorrere a un'alimentazione più leggera rispetto a quella invernale e soprattutto dobbiamo ricorrere ad alcuni "cibi amici" che nascono proprio in questa stagione, ricchi di vitamine e minerali con specifiche proprietà diuretiche e disintossicanti. assunti regolarmente in una dieta varia e ben bilanciata ti permetteranno di vivere questo momento dell'anno con più leggerezza e di ritrovare energia e buon umore in un attimo.Ora dopo aver fatto queste considerazioni generali vediamo come ci può indirizzare il nostro semaforo del benessere per la primavera E cominciamo vedendo cosa dobbiamo evitare per aiutare il nostro organismo a depurarsi con l'arrivo della primavera. SEMAFORO ROSSO: stop a snack salati, alimenti affumicati, dadi, salsa di soia Fai attenzione al sale: per tirarci su spesso ci rivolgiamo a cibi salati e spilucchiamo tutto il giorno con snack salati o dolci . in realtà possiamo aver bisogno di minerali come il potassio mentre esageriamo proprio col sale che in eccesso è il primo nemico della ritenzione idrica che può aumentare in primavera . dopo essere stato assunto all'interno dell'organismo, il sale attrae liquidi che imprigiona dandoti la sensazione di gonfiore e pesantezza SEMAFORO GIALLO: attenzione a eccesso di caffè e di bevande al ginseng -la caffeina contenuta in una tazzina di caffè aiuta a sentirsi subito più svegli e vigili e a combattere la sonnolenza. inoltre un recente studio dell'università di harvard ha rivelato che le donne che bevono regolarmente caffè hanno il 20% di probabilità in meno di soffrire di depressione. se non ci sono, perciò, controindicazioni, via libera anche a tre tazzine al giorno, ma esagerare causa effetto opposto come agitazione e insonnia - bevande al ginseng o all' eleutericocco (ginseng siberiano) entrambe con funzione tonica rivitalizzante e rimineralizzante. ma non bisogna eccedere, soprattutto se avete la pressione alta. e ora vediamo con il nostro semaforo verde quali alimenti è bene consumare per aiutare il nostro organismo con l'arrivo della primavera: SEMAFORO VERDE: Via libera: verdura e frutta di colore verde, giallo-arancio, rosso, blu-viola, bianco Nel nostro semaforo verde come vedete abbiamo indicato la verdura e la frutta di tutti i colori. naturalmente dovremmo consumare anche pesce anche azzurro, carne bianca e cereali integrali, ma soprattutto dobbiamo consumare soprattutto frutta e verdura per fare un pieno di vitamine e minerali. oltre a consumare le famose cinque porzioni al giorno di frutta e verdura, è importante tenere in considerazione anche il "colore" perché ognuno di questi colori ha una funzione diversa. l'ideale dunque sarebbe che soprattutto in primavera nel nostro piatto finisse un alimento per ciascuno di questi colori, in una tavolozza che fa bene alla salute ma anche all'umore. Ecco comunque una piccola guida ai "colori" da portare in tavola. verde: verde è naturalmente sinonimo di clorofilla, potente antiossidante. ma le verdure a foglia verde contengono anche carotenoidi e una buona dose di acido folico, che si ritiene abbia proprietà protettive nei confronti delle malattie cardiovascolari. l'acido folico è particolarmente importante in gravidanza, perché la sua carenza è responsabile della spina bifida, una grave patologia che può colpire il feto. per variare in questo gruppo di colore potrete scegliere fra: asparagi, basilico, bieta, broccoli, carciofi, cicoria, cima di rapa, indivia, kiwi, lattuga, prezzemolo, spinaci e zucchine. giallo-arancio: beta-carotene e flavonoidi sono le principali sostanze contenute in frutta e verdura di questo colore. il beta-carotene è noto per le sue proprietà antiossidanti e per essere un precursore della vitamina a, che gioca un ruolo importante nella riproduzione dei tessuti, nel potenziamento del sistema immunitario e per la vista. in questa categoria rientrano albicocche, arance, carote, cachi, limoni, mandarini, ananas, nespole, peperoni, pesche, pompelmi e zucche. rosso: nei vegetali di questo colore sono presenti in modo importante due pigmenti, il licopene e le antocianine, che hanno una potente azione antiossidante. secondo alcuni studi il licopene, contenuto per esempio nei pomodori e nell'anguria, potrebbe avere un effetto protettivo contro i tumori al seno e alle ovaie e quello alla prostata. di antocianine, che hanno un ruolo benefico per i vasi sanguigni, per combattere la fragilità dei capillari e contro l'arteriosclerosi, sono invece ricche le arance rosse. se dovete inserire il rosso nella vostra dieta non dimenticatevi di barbabietole, ciliegie, fragole, ravanelli e rape rosse. blu-viola: antocianine, carotenoidi, vitamina c, fibre sono presenti in buona quantità in questo gruppo. in particolare tutti i vegetali di questo colore sembrano particolarmente utili per la vista, per la pelle, per la regolarità intestinale e contro alcune infezioni del tratto urinario. in questo gruppo sono compresi fichi, frutti di bosco, melanzane, prugne, radicchio e uva nera. bianco: isotiocianati che prevengono l'invecchiamento cellulare, allilsolfuro che previene la formazione di trombi: sono le principali sostanze contenute nelle verdure bianche, che forniscono però anche sali minerali come il potassio e vitamina c. da ricordare aglio, cipolla, porro, cavolfiore, finocchio e sedano. Procedimento:
Oggi inizia la primavera… che torna, puntuale come ogni anno, con le sue giornate lunghe e tiepide ma anche quella fastidiosa sensazione di stanchezza a cui corrisponde però un miglioramento dell’umore dovuto all’aumento della luce: dobbiamo assecondare questo risveglio energetico facendo una camminata all’aria aperta tutti i giorni e scegliendo i cibi adatti a depurare l’organismo e a darci la carica stagionale che ci vuole.La mancanza di tono e di energia che con l’inizio del periodo primaverile può andare a colpire soprattutto le donne in menopausa e le adolescenti; è un fenomeno del tutto normale, riconducibile allo stravolgimento stagionale che sembra coglierle quasi impreparate. i continui ribaltoni climatici che di solito caratterizzano i mesi di febbraio e marzo, con notevolissime escursioni termiche e barometriche, richiedono un superlavoro per l'organismo, in particolare per i neurormoni e i neuromodulatori, comportando in chi è particolarmente sensibile dal punto di vista ormonale un lieve scompenso dell'equilibrio psicofisico. Per prepararci quindi all’arrivo della primavera e a questi “scompensi” dobbiamo depurare il nostro organismo e contrastare la spiacevole sensazione di gonfiore che si avverte ai cambi di stagione.Colpa anche della ritenzione idrica, ovvero della tendenza dei tessuti di cui è composto il nostro organismo a trattenere liquidi, acqua e altre sostanze fra le quali ci sono anche delle tossine.Per eliminare il gonfiore e depurare l’organismo bisogna innanzitutto ricorrere a un’alimentazione più leggera rispetto a quella invernale e soprattutto dobbiamo ricorrere ad alcuni  “cibi amici” che nascono proprio in questa stagione, ricchi di vitamine e minerali con specifiche proprietà diuretiche e disintossicanti. assunti regolarmente in una dieta varia e ben bilanciata ti permetteranno di vivere questo momento dell’anno con più leggerezza e di ritrovare energia e buon umore in un attimo.Ora dopo aver fatto queste considerazioni generali vediamo come ci può indirizzare il nostro semaforo del benessere per la primavera 

E cominciamo vedendo cosa dobbiamo evitare per aiutare il nostro organismo a depurarsi con l’arrivo della primavera.

SEMAFORO ROSSO: stop a snack salati, alimenti affumicati, dadi, salsa di soia 
Fai attenzione al sale: per tirarci su spesso ci rivolgiamo a cibi salati e spilucchiamo tutto il giorno con snack salati o dolci . in realtà possiamo aver bisogno di minerali come il potassio  mentre esageriamo proprio col sale che in eccesso è  il primo nemico della ritenzione idrica che può aumentare in primavera . dopo essere stato assunto all’interno dell’organismo, il sale attrae liquidi che imprigiona dandoti la sensazione di gonfiore e pesantezza

SEMAFORO GIALLO: attenzione a eccesso di caffè e di  bevande al ginseng 
-la caffeina contenuta in una tazzina di caffè aiuta a sentirsi subito più svegli e vigili e a combattere la sonnolenza. inoltre un recente studio dell’università di harvard ha rivelato che le donne che bevono regolarmente caffè hanno il 20% di probabilità in meno di soffrire di depressione. se non ci sono, perciò, controindicazioni, via libera anche a tre tazzine al giorno, ma esagerare causa effetto opposto come agitazione e insonnia 
- bevande al ginseng o  all' eleutericocco (ginseng siberiano) entrambe con funzione tonica rivitalizzante e rimineralizzante. ma non bisogna eccedere, soprattutto se avete la pressione alta. 
e ora vediamo con il nostro semaforo verde quali alimenti è bene consumare per aiutare il nostro organismo con l’arrivo della primavera:

SEMAFORO VERDE: Via libera: verdura e frutta di colore verde, giallo-arancio, rosso, blu-viola, bianco

Nel nostro semaforo verde come vedete abbiamo indicato la verdura e la frutta di tutti i colori. naturalmente dovremmo consumare anche  pesce anche azzurro, carne bianca e cereali integrali, ma soprattutto dobbiamo consumare soprattutto frutta e verdura  per fare un pieno di vitamine e minerali. oltre a consumare le famose cinque porzioni al giorno di frutta e verdura, è importante tenere in considerazione anche il "colore" perché ognuno di questi colori ha una funzione diversa. l'ideale dunque sarebbe che soprattutto in primavera nel nostro piatto finisse un alimento per ciascuno di questi colori, in una tavolozza che fa bene alla salute ma anche all'umore. Ecco comunque una piccola guida ai "colori" da portare in tavola.

verde: verde è naturalmente sinonimo di clorofilla, potente antiossidante. ma le verdure a foglia verde contengono anche carotenoidi e una buona dose di acido folico, che si ritiene abbia proprietà protettive nei confronti delle malattie cardiovascolari. l'acido folico è particolarmente importante in gravidanza, perché la sua carenza è responsabile della spina bifida, una grave patologia che può colpire il feto. per variare in questo gruppo di colore potrete scegliere fra: asparagi, basilico, bieta, broccoli, carciofi, cicoria, cima di rapa, indivia, kiwi, lattuga, prezzemolo, spinaci e zucchine.

giallo-arancio: beta-carotene e flavonoidi sono le principali sostanze contenute in frutta e verdura di questo colore. il beta-carotene è noto per le sue proprietà antiossidanti e per essere un precursore della vitamina a, che gioca un ruolo importante nella riproduzione dei tessuti, nel potenziamento del sistema immunitario e per la vista. in questa categoria rientrano albicocche, arance, carote, cachi, limoni, mandarini, ananas, nespole, peperoni, pesche, pompelmi e zucche.

rosso: nei vegetali di questo colore sono presenti in modo importante due pigmenti, il licopene e le antocianine, che hanno una potente azione antiossidante. secondo alcuni studi il licopene, contenuto per esempio nei pomodori e nell'anguria, potrebbe avere un effetto protettivo contro i tumori al seno e alle ovaie e quello alla prostata. di antocianine, che hanno un ruolo benefico per i vasi sanguigni, per combattere la fragilità dei capillari e contro l'arteriosclerosi, sono invece ricche le arance rosse. se dovete inserire il rosso nella vostra dieta non dimenticatevi di barbabietole, ciliegie, fragole, ravanelli e rape rosse.

blu-viola: antocianine, carotenoidi, vitamina c, fibre sono presenti in buona quantità in questo gruppo. in particolare tutti i vegetali di questo colore sembrano particolarmente utili per la vista, per la pelle, per la regolarità intestinale e contro alcune infezioni del tratto urinario. in questo gruppo sono compresi fichi, frutti di bosco, melanzane, prugne, radicchio e uva nera.

bianco: isotiocianati che prevengono l'invecchiamento cellulare, allilsolfuro che previene la formazione di trombi: sono le principali sostanze contenute nelle verdure bianche, che forniscono però anche sali minerali come il potassio e vitamina c. da ricordare aglio, cipolla, porro, cavolfiore, finocchio e sedano.

]]>