GazzetTinto

Carlo Cambi: la giusta spesa - le ciliegie

Carlo Cambi

    » Segnala ad un amico

    Cuoco: CARLO CAMBI
    Rubriche: Non solo Chef

    Ingredienti:

    Procedimento:
    Originarie quasi certamente dell'Asia Minore o della Persia, erano già conosciute   ai Greci. Nel I secolo a.C. le ciliege erano già note a Roma:si narra che la pianta venne portata dall'Oriente dal grande generale Lucullo, che la piantò nel giardino della sua villa.
    Il Re Sole ne incoraggiò la coltivazione in serra a Versailles e il consumo a corte. Oltre che in Europa, il ciliegio è ampiamente coltivato anche in Asia, Australia, America. L'Italia rappresenta uno dei principali produttori di ciliegie a livello europeo, con importanti coltivazioni in  Puglia, Campania, Emilia-Romagna e Veneto. A seconda della varietà (ne esistono numerosissime) cambiano i mesi in cui le abbiamo a disposizione. In genere da metà maggio a fine giugno, al massimo fino ai primi  di luglio.
    Le ciliegie sono povere di calorie, ma possiedono notevoli impieghi terapeutici, perchè proteggono il cuore e hanno effetti antidolorifici grazie a dei sali che avrebbero la stessa azione antidolorifica dell'aspirina (senza effetti collaterali).Le ciliegie sono anche utili alla riduzione dell'ipertensione, nel facilitare le funzioni intestinali e nel favorire la diuresi.La ciliegia è ricca di tannino e sali minerali come il calcio, il fosforo, il potassio e il ferro e contiene molte vitamine soprattutto del gruppo A e C. Tali caratteristiche rendono questo frutto un alimento ottimo per qualsiasi dieta. Aiutano l'abbronzatura della pelle e ne prevengono l'invecchiamento.