Il Parlamento non conta

Si diceva che la vittoria del No il 4 dicembre era una indicazione per una legge elettorale di tipo proporzionale.
Non so se è esatto. Ma è vero che era sicuramente una vittoria contro l'idea di sapere a tutti i costo il giorno della elezione qual'è era il nuovo governo.
Questa pretesa è impossibile in un sistema parlamentare. Noi votiamo il parlamento e non il governo. 
Non capisco perché bisogna abbandonare l'ipotesi di una legge elettorale di tipo tedesca per il solo fatto che al parlamento è stato approvato un emendamento. Questa pretesa indica di nuovo che chi ha perso il referendum del 4 dicembre continua a non dare valore al parlamento. Intendo il PD ma anche in questo caso 5 Stelle che accetta la valutazione del PD. L'emendamento non andava contro la legge ma voleva solo estenderla a una regione autonoma. Al limite al Senato si può sempre modificare questo emendamento. 
Il motivo vero sembra che si vuole andare a votare al più presto e non aspettare il 2018 quando la legislatura finisce. Di nuovo il parlamento non conta. 
Edward Lynch

Rai.it

Siti Rai online: 847