radio 3 logo verde su bianco








Cattedrale di San Ciriaco

Ancona



Massimo Raffaeli inizia il suo racconto dal piazzale davanti alla cattedrale, o duomo, di San Ciriaco che si affaccia sul mare Adriatico e sul porto di Ancona, con le sue banchine e le sue navi sempre in piena attività. Da qui, dall’alto del colle Guasco, seppure di scorcio si può vedere sorgere e tramontare il sole, e proprio qui Luchino Visconti, nel 1943, girò alcune scene del suo film Ossessione riprendendo la cattedrale e il dedalo di vicoli che a quel tempo dal piazzale scendevano fino al mare (e che, proprio qualche mese dopo, furono rasi al suolo da un bombardamento alleato). Oggi al posto dei vicoli c’è una strada panoramica circondata da una vegetazione foltissima, verde e rigogliosa che porta davanti all’ingresso di San Ciriaco.

Con Massimo Raffaeli esploriamo poi la cattedrale, capolavoro medievale di pietra bianca, scoprendone la facciata, il campanile, la Cupola, la cripta dove sono conservate le spoglie del Santo patrono della città, e assaporandone il silenzio e la composta ieraticità. Compagni di viaggio della nostra guida sono le presenze storiche, letterarie e soprattutto poetiche evocate durante tutto il percorso.