ASSUNZIONE DELLA BEATA VERGINE IN CIELO

15 AGOSTOLeggi >>

IL SANTO DEL GIORNO

Martirologio Romano dei SantiLeggi >>


NEWS

La Corona di Spine salvata dall'incendio in Notre Dame

I Pompieri intervengono eroicamente per togliere dalle fiamme la Corona di Spine di Gesù e altre preziose reliquie della cristianità custodite nella cattedrale di Parigi

16-04-2019 17:41

La Corona di Spine salvata dall'incendio in Notre Dame

Servizio di: Filippo di Giacomo



Nella metà del XIII secolo, Luigi IX fa edificare la Sainte-Chapelle in seno alla sua residenza parigina, il Palais de la Cité. Concepita come un reliquiario monumentale, essa accoglieva allora la Corona di spine del Cristo. Decorata da un complesso unico di quindici vetrate e da un grande rosone che forma veri e propri muri di luce, la Sainte-Chapelle rappresenta uno dei gioielli del gotico francese. Dopo il concordato napoleonico del 1801 la Corona fu restituita all'arcivescovo di Parigi, e nel 1806 fu assegnata al tesoro della cattedrale di Notre-Dame a Parigi, perché fosse custodita dai canonici della cattedrale. Nel corso dei secoli molte delle spine della corona furono separate da essa e donate, a vario titolo, sia dagli imperatori bizantini che da quelli francesi. Se ne contano una settantina, distribuite in varie parte del mondo, anch'esse oggetto di venerazione da parte dei cristiani. Il culto della «sacra spina», diffusa in molte chiese italiane (a Roma è conservata nella chiesa di Santa Croce in Gerusalemme), continua a dare ai fedeli un misterioso segno: fioriscono tutte nella stessa settimana dell’anno, da Palermo a Liegi. Come a Torino, quando due vigili del fuoco salvarano la Sacra Sindone durante l’incendio della cappella reale, sono stati i pompieri di Parigi, guidati dal loro cappellano don Jean-Marc Fournier ad entrare nella “cappella del tesoro di Notre dame” per portare in salvo il Santissimo Sacramento, la Corona di Spine, i frammenti della Santa Croce e la tunica di San Luigi. Come capita spesso nella storia, bastano pochi ben intenzionati per sottrarre alla catastrofe i segni dell’alfabeto per scrivere il futuro, e restituirli alla memoria di noi tutti.


Lo storico dell'arte Flavio Caroli nello speciale di Rai News24

Rai.it

Siti Rai online: 847